Difficile inizio settimana

Il momento più bello della giornata è quando vado a prendere Elisabetta all’asilo. È una sensazione che non dura moltissimo. Giusto il tempo di parcheggiare la macchina ed entrare nella sua classe. Poi finalmente vedo i suoi occhioni e cerco di capire come ha passato la giornata. Se è felice allora continuo ad esserlo anche io. Altrimenti mi preoccupo.

Prima di Natale sembrava filare tutto liscio. Anzi, quando entravo nella stanza la trovavo a pascolare spensierata insieme agli altri walking-babies. Appena la chiamavo, si voltava, e con un grande sorrisone mi correva incontro grindando papaaaaaaaa. Qualche volta, raccoglieva un giochino qualsiasi da terra e me lo portava, come segno di ringraziamento per essere tornato a prenderla.

Sfortunatamente da quando siamo tornati le cose non sono ancora del tutto a posto. Nuova sezione, nuovi compagni, nuovi stimoli. E a metà pomeriggio, verso le cinque, inizia ad essere insofferente. Sopratutto quando arrivano i primi genitori. È l’ora in cui inizia a piangere.

Oggi sembra sia stata addirittura una giornata no. Secondo la maestra non voleva mai stare lontano da un adulto. Appiccicata a loro, mandando via gli altri compagni se si avvicinavano. Ahhhh. E dire che stamattina era entrata tutta tranquilla e mi ero illuso che sarebbe stata una buona giornata. Non si puo mai dire. Purtroppo non abbiamo altra scelta che sperare che domani sia una giornata miglirore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.