Ultimo giorno di creche

Oggi e’ stato il tuo ultimo giorno di creche, Elisabetta.  Sembra ieri che scrivevo un post sul  tuo primo giorno ed invece sono gia passati tre anni ed e’ il momento di chiudere questo bel capitolo…

Nella sala Psicomotricite abbiamo conosciuto Aurelie, la tua prima maestra, il nostro e sopratutto tuo punto di riferimento in quel nuovo mondo che hai pian piano conosciuto, abitato e forse amato come  una seconda casa. L’impatto e’ stato intenso: dopo appena una settimana di inserimento  ci hai portato a casa una bella gastrointerite per metterci subito in chiaro le cose: tutti devono partecipare a questa avventura!

Con Aurelie hai imparato a fare la nanna senza  Mamma e Papone,  con l’aiuto del puzza, il tuo specialissimo doudu. Lo hai usato fino a consumarlo, stringendolo forte forte quando ti sentivi sola. Aurelie ti ha aiutato ad assaggiare le prime pappe e ti ha seguito mentre spiccavi i primi passi. Poi, un brutto giorno per noi ma non per lei,  ci ha abbandonato, perche in attesa del suo bimbo.

Fortunatamente, al suo posto e’ arrivata Marie, la maestra italo/francese che ci ha seguito fino ad oggi! Nel mezzo ce ne sono state tante altre insieme a lei, ma nessuna come voi due. Forse le ultime due, Maithe e Noemi, ma con voi purtroppo siamo stati troppo poco!

Ognuna di loro ti ha aiutato a crescere, a camminare, a correre. Hanno riempito 10 lunghissime ore in cui  Mamma e Papone erano al lavoro, mentre tu lontano dai nostri occhi crescevi . Sei cresciuta in fretta, cosi tanto che non ci ricordiamo piu di quando eri piccola. Per noi sei gia una signorina, con un carattere tosto che a volte non sappiamo gestire, ma una gioia di vivere che ci carica le batterie e ce le scarica completamente allo stesso tempo.

Ci sarebbero milioni di aneddoti da raccontare a proposito di questi tre anni. Non possiamo dimenticare la fatica di alcuni giorni, specialmente di quelle mattine in cui  non ti volevi svegliare, non volevi fare colazione, o peggio ti attaccavi alle nostre gambe per non lasciarci andare via. Ma la gioa della sera non ha paragoni, quando al vederci arrivare mollavi tutto per correrci incontro e dirci in modo unico che ci volevi bene e ti eravamo mancati.

Non e’ finita, domani inizia un nuovo capitolo, ma questo si e’ chiuso con tantissime lacrime versate oggi da Mamma e  tantissimi ricordi che non vogliamo dimenticare.

Noemi, Maithe, Marie e Aurelie ti hanno fatto un bellissimo regalo… una busta con dentro i tuoi disegni, le tue foto e tante altre cose di questi tre bellissimi anni. In piu delle belle parole per ringraziarti della tua “allegria” e per augurarti un grande in bocca al  lupo per la tua prossima avventura. Anche noi vi ringraziamo, per aver custodito la notra piccola peste ed averla resa felice in questi bellissimi anni.

Grazie di cuore Mamma e Papone.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.