La grippe

Ci siamo presi la grippe ovvero una bella influenza con i controfiocchi che ci ha scombussolato la settimana. Tutto ha avuto inizio martedì notte, quando qualcosa di incandescente mi ha risvegliato verso le tre del mattino. Era il piedino di Elisabetta, che tentava, come al solito di spingermi verso il bordo del lettone.

Insospettito, accendo la luce, sveglio Mamma all’altro capo del letto e dopo una prima  analisi  il verdetto ci sembra inequivocabile: febbre! Il termometro lo conferma: 39,2 Mannaggia!
A quel punto ci siamo guardati con disperazione e una specie di morra cinese deve essere iniziata tra noi due per decidere chi sarebbe rimasto a casa. Devo aver vinto io perché con voce sommessa Mamma dice: va beh non c’è problema sto a casa io! Due giorni dopo anche io ho cominciato a dare segni di cedimento, con grande tosse, brividini e debolezza. Sarebbe stato comunque il mio turno, ma almeno Mamma mi ha lasciato chiudere un po di cose in ufficio.

Restare a casa non è male quando si sta bene. Ma quando non puoi mettere il becco fuori, le quattro mura domestiche diventano strettissime. Specialmente quando tua figlia è rognosa per la febbre e sono già due giorni che ci è bloccata dentro.

Se in una settimana normale tirarla giù dal letto prima delle 7:15 è un’impresa, quando è malata alle 6:45 vuole di sua spontanea volontà andare di la! E subito ci si mette a leggere un libro, per poi passare a colorare, a fare la pasta di sale, dei bei canti e poi ancora giocare con gli acquerelli. Pensi di aver svangato la mattinata, ma invece sono solo le 10:30. GULP! Che si fa ora? Non lo posso dire cosa, ma ho usato qualche piccolo trucco, per sopravvivere….

Siamo arrivati a venerdì, e purtroppo siamo ancora malaticci. Un’altra settimana a casa non possiamo permettercela. Come fare? Beh come insegna il grande Gerry Scotti, si fa la telefonata a casa.

Pronto Nonna Pat, che ne dici di farti una settimana da noi? E cuor di nonna, cosa volete che abbia risposto: ma certo che si! Grazie Nonna Pat ci hai salvato!

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.