Vigilia di Natale

IMG_1332

Di solito le vigilie di Natale sono complicate, agitate. Cose da comprare, pacchetti da incartare, persone da vedere, traffico, isteria, caos. Quest’anno non è stato così! Ci siamo svegliati con la piccola [xyz-ihs snippet=”Elisabetta”] nel lettone: che strano. Con calma da vera famiglia 2.0 ci siamo fatti un bel selfie Natalizio e poi ci siamo preparati. Colazione al bar, da veri sciuri, dove abbiamo incontrato [xyz-ihs snippet=”Nonno-Fabry”] e poi anche Marco, mio cugino. I primi auguri di Natale, le prime persone che ci chiedono come è andato il viaggio, come va la vita in Lussemburgo.

Visto che ancora qualche regalo dovevamo comprarlo abbiamo dedicato la mattina al classico giro per negozi, alla ricerca di qualche buona ispirazione. Poi, finalmente pranzo dai Masna. Con il neo dottore Davidone, rientrato in mattinata da Sassari, c’eravamo tutti, o quasi. Tradizione de beri vuole che la vigilia di Natale si mangino i panzerotti: che botta! I più coraggiosi ne hanno mangiati tre ma noi, sapendo della cena dello [xyz-ihs snippet=”Zio-Simo”] ne abbiamo mangiati uno e mezzo, lasciando un po di spazio per il dolcetto Natalizio!

[xyz-ihs snippet=”Elisabetta”] intanto ha trovato due nuovi bravissimi baby-sitter, Camilla & Niccolò. Ha poi esplorato in lungo e in largo il pavimento, alla rincorsa dei gatti e finalmente si è rilassata con un bel pisolino pomeridiano. Nel frattempo [xyz-ihs snippet=”Papone”] ha terminato i regali, scegliendo l’eco-solidale e i regali utili, sopratutto a km0 (nel senso che il negozio si raggiungeva a piedi). Un Natale sostenibile.

Tutto questo mentre il “povero” [xyz-ihs snippet=”Zio-Simo”] si trasformava in MasterChef per preparare il cenone della vigilia. Noi tre, [xyz-ihs snippet=”Elisabetta”], [xyz-ihs snippet=”Mamma”] e [xyz-ihs snippet=”Papone”] a tradimento, siamo andati a casa di Alberto, l’amicissimo di [xyz-ihs snippet=”Papone”], a presentare Elisabetta e a porgere i nostri augurissimi di Natale.

Chi è Alberto? Diciamo che [xyz-ihs snippet=”Papone”] ha vissuto più anni con lui che con [xyz-ihs snippet=”Mamma”] a Torino. Ne abbiamo combinate delle belle, un po il Sandra & Raimondo del Cusio.

IMG_1356Abbiamo fatto vedere quanto era cresciuta  [xyz-ihs snippet=”Elisabetta”] a tutta la famiglia ma il primo impatto non è stato dei migliori. La piccola si è attaccata al collo di [xyz-ihs snippet=”Papone”] e con un pianto disperato ha cercato di nascondersi dalla folla di sconosciuti. Ci è voluto un momento di ambientamento ed un piccolo regalino per farli diventare migliori amici (ever) di [xyz-ihs snippet=”Elisabetta”]!  Che ruffiana!

Con Alby è un classico. fare un po di ritardo… e a quel punto il povero [xyz-ihs snippet=”Zio-Simo”] aveva gia cucinato tutto. Ci siamo presentati a casa giusto in tempo per fare la doccia, aspettare i nonni ([xyz-ihs snippet=”NonnaPat”] e [xyz-ihs snippet=”Nonno-Fabry”]) e gli amici per il brindisi. Per l’occasione abbiamo sfoggiato il vestito rosso e le orecchie da Alce [xyz-ihs snippet=”Elisabetta”] in perfetto spirito Natalizio.  Tutto pronto per la cena, per iniziare con il primo di una lunga serie di Brindisi… e cene.

Alla fine, gli ultimi sopravvissuti, compiaciuti e forse anche un pochino “alticci” si sono concessi uno scatto per immortalare un altra Vigilia di Natale in amicizia e allegria, @Homegna! Che si aprano le danze…. che l’ingrasso abbia inizio!!!!

IMG_1380

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.