Una settimana anomala…

Questa settimana è stata davvero anomala. A causa della festa di Halloween tutto si è fermato ed anche le certezze della settimana sono state “rapite” dagli spettri della festa. Partendo da Lunedì, Mamma è stata a casa (fighissimo) e contestualmente lo ZioSimo è volato alla Maison. Visto che le scuole erano chiuse il corso di Francese è stato sospeso; e cosi pure il corso di Acquaticità del sabato; Ma la cosa più strana … udite udite… è che non c’è nessuno che viene a trovarci! Eh si, un sinistro week-end:  non siamo abituati.

IMG_4038

Giusto per farci capire che non era un fine settimana tradizionale ieri notte Elisabetta ha deciso di testare la pazienza dei suoi genitori. Ha iniziato a mezzanotte. con il primo acuto: Pianto-Poppatina-Nanna. Poi di nuovo all’1, alle 3 e alle 4. Alle 3, giusto per la cronaca, sua signoria si è trasferita nel lettone, tanto era più il tempo di trasporto Culla-Mamma e Mamma-Culla che quello che si dormiva! Alle 4 c’è stato il top: si è messa a quattro zampe i mezzo al lettone, e con quei due fari spalancati nella notte cercava sorridendo un  compagno di giochi. Eh si… ci è toccato andare in sala a farci un’oretta di gattonate, giochini ed enormi sbadigli! Alle 5 finalmente siamo ricomparsi tutti e tre nel lettone, fintanto che la sveglia delle 7 non è suonata… NOTTATACCIA!

E pensare che noi la sera prima, convinti di stroncarla con la pancia piena, abbiamo osato darle per la prima volta la pappa serale:  brodo con la tapioca. La pappa è stata gradita ampiamente a tavola, probabilmente un po meno durante la digestione. Mannaggia alla tapioca!

A salvare la giornata il fatto che  questo venerdì è corto per MammIMG_4074a, e quindi anche per Papone! Ci siamo dedicati alle commissioni: abbiamo cambiato le gomme della macchina (immaginando che prima o poi le temperature scendano) e facendo la spesa (mentre ce le montavano). Elisabetta come al solito ha aspettato che fossimo nel supermercato con il passeggino ed il carrello carico per decidere che non le andava assolutamente di stare seduta anymore! Ma questa volta l’abbiamo fregata noi: eccola qui  piazzata sul carrello, che se la ride. Forte vero? Non è durato molto il giochino…

Alla fine la giornata è volata, concludendosi anche con un piccolo “spavento”. Pronti a perseverare nella nostra battaglia con il cibo serale, mentre uno la faceva sedere e l’altro appoggiava sul tavolo la scodella fumante della pappa, Elisabetta ha approfittato di un momento di distrazione per infilare tutte le dita dentro la ciotola! E qui ha scoperto che la pappa era proprio bella bella bella calda: lacrimoni e singhizzi…. e addio pappa! Stasera solo tetta!

Morale: non ci si può distrarre un attimo con questa teppa, ogni giorno sempre più intraprendente e curiosa di scoprire cose e sensazioni nuove: stasera ahime, una bella scottata!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.