Santa Elisabetta (d’Ungheria)

Il 17 Novembre si festeggia S. Elisabetta d’Ungheria e quindi anche l’onomastico della nostra piccola principessa! La scelta del suo nome è legata ad un’altra Elisabetta, detta anche Cenerentola (un tempo) ma più comunemente conosciuta come Lilli. Poi la conferma è avvenuta esattamente il 17 Novembre 2014, quando durante l’ecografia ci fu rivelato che il nostro piccolo fagiolino era in realtà una petit fagiolina: le coincidenze! Giusto per conoscere la storia del Santo che protegge questo regale nome ho fatto una piccola ricerchina e ho scoperto che Elisabetta era la figlia del Re d’Ungheria. Rimase orfana quando aveva solo sei anni per una congiura di palazzo e giusto per non farle mancare nulla le organizzarono il matrimonio quando solo ne aveva quattro. Elisabetta di Papone, stai tranquilla noi ti teniamo a casa anche fino a 30 anni. Fortunatamente, o cosi scrive la mia fonte, il matrimonio per breve che fu, fu molto felice! Si sposò con tale Ludovico, Re di Turingia, dal quale ebbe 3 figli.

Ludovico appoggiava la sua opera di sostegno ed aiuto ai più bisognosi.

Si narra che un giorno si recò a trovare dei malati portando in grembo dei panini. Incontrando sulla sua strada Ludovico (magari era un po bruttino, pover uomo) si spaventò e li fece cadere. Ma a terra invece dei panini caddero delle rose. Per questo motivo è spesso raffigurata con delle rose in grembo.

La dolce liaison con Ludovico non durò per molto, perché testone come tutti gli uomini, parti per le Crociate non facendo mai più ritorno a casa. A dire il vero non ci arrivò nemmeno a combatterle perché venne stroncato, ad Otranto, da una terribile malattia. Elisabetta aveva solo 19 anni e come in tutte le storie tristi era circondata da parenti serpenti che volevano rubarle il cadreghino. Ma la ragazza aveva le contro-sfere e quando i cavalieri di Ludovico tornarono in patria per seppellirlo, lei insieme a loro riprese il controllo della situazione. Non lo fece ne per gloria ne per potere. Anzi! Non torno nemmeno a palazzo ma decise di restare a vivere a Manburgo, nel castello di famiglia che trasformò in un ospedale ispirato ai principi di San Francesco. Prese  l’abito francescano, avendo fatto voto di castità dopo la morte del marito e dedicò tutta la sua esistenza all’aiuto dei poveri e degli ammalati. Morì il 17 Novembre, a soli 24 anni, di stenti, a causa delle privazioni che sottoponeva il suo corpo per penitenza.

Elisabetta è patrona dei fornai, per la storia dei panini, ma anche perché in tempo di carestia donò del grano ai bisognosi. E’ anche protettrice degli infermieri e degli ospedalieri.

In Ungheria e nei paesi germanofoni viene ricordata il 19 Novembre, non ho capito come mai! Però visto che oggi è il 19,  Papone ha voluto omaggiare con il post di oggi questa bella figura, con la preghiera che insieme alle altre stelle che vegliano da lassù, possa sempre  proteggere la nostra petit princess! Buon Onomastico piccola teppa!!!!

IMG_4100

One Reply to “Santa Elisabetta (d’Ungheria)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.